18 Gen

Aggiornamenti casi covid-19 ad Altamura - domenica 17 gennaio

Secondo i dati pervenuti dagli uffici Asl (aggiornati al 15 gennaio), sono 794 gli attuali casi di Covid-19 ad Altamura.
I guariti sono 2876.
In tutto sono 3670 i casi di Covid-19 ad Altamura dalla seconda ondata di contagi.
Da oggi la Puglia è in zona arancione, Altamura negli ultimi giorni sta registrando nuovamente un aumento dei contagi. È per questo che vi invito ad essere responsabili e a non abbassare la guardia.
18 Gen

DANNI A SEGUITO DEGLI EVENTI CALAMITOSI DAL 23 MARZO AL 3 APRILE 2020. AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE

Si invita a prendere visione dell'avviso concernente l'invio delle istanze di danno a seguito degli eventi calamitosi dal 23 marzo al 3 aprile 2020

16 Gen

ALLERTA METEO

MESSAGGIO DI ALLERTA METEO (GIALLA) dalle ore 20:00 del 17.01.2021 per le successive 12 ore

Evento previsto
Nevicate: dalla sera/notte,  al di sopra dei 200-400 mt. con apporti deboli.

MESSAGIO DI ALLERTA METEO

15 Gen

Progetto Sì Lab

Silver Living Lab (Sì-Lab) è un progetto partecipativo presentato dalla cooperativa sociale Auxilium e finanziato dall’ “Avviso di selezione delle proposte di processi partecipativi da ammettere a sostegno regionale nell’ambito del Programma annuale della partecipazione della Regione Puglia”, volto a intercettare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e dalle nuove scoperte che caratterizzano gli ambiti di assistenza, benessere e cura degli over 65, rivalutandoli secondo i canoni del benessere, della salute, della prevenzione e della cura. Il fine è quello di raccogliere proposte, esigenze, caratteristiche socio-demografiche di una specifica popolazione per dar vita a proposte e ad interventi volti ad affrontare in chiave innovativa gli stessi temi.

Il progetto vede la partecipazione, in partenariato, del Comune di Altamura con l’Assessorato alle Politiche Sociali, del distretto territoriale della ASL BA 3, dell’Istituto di Ricerca Item Oxygen e dell’Associazione Senior Italia Federanziani. “Sì-Lab” propone un percorso di partecipazione attiva che coinvolge la popolazione over 65 nell’indagine e nella sperimentazione delle politiche di invecchiamento attivo.

Il progetto prevede due macro fasi: la prima caratterizzata da una indagine qualitativa e quantitativa utile a far emergere quali sono i nuovi bisogni della popolazione anziana e dei care-giver e come l’inserimento della tecnologia nelle routine di vita può incidere in misura più o meno positiva. La seconda prevede la realizzazione un percorso di partecipazione attiva volto alla definizione di azioni che possano permettere agli anziani di invecchiare nel miglior modo possibile, indagando qual è il loro rapporto con la tecnologia e come possa essere percepito l’avvicinamento alla stessa. L’aspetto innovativo è connesso anche alla possibilità di avvicinare il mondo degli over 65 e dei caregiver a sistemi di facilitazione e miglioramento della qualità della vita mediante tecnologia assistita per permettere una gestione integrata e confortevole dei bisogni e delle patologie.

Una volta analizzati i bisogni reali emersi dal basso, mediante l’indagine esplorativa qualitativa e quantitativa, saranno attivati processi decisionali inclusivi che prevedono il coinvolgimento di gruppi di cittadine e di cittadini, del direttore dell’area della Asl, dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Altamura, della Federanziani e della cooperativa Auxilium con il supporto dell’Istituto di Ricerca Item Oxygen come soggetto esterno al partenariato.

L’obiettivo è quello di fornire al legislatore regionale e locale, alla popolazione e agli stakeholder nuove linee guida per la gestione delle politiche dell’Active Healthy Ageing, che possano includere risposte concrete a bisogni reali e adesigenze percepite dalla comunità.

Al questionario si può accedere attraverso il seguente link:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeB8oN_wT8OCXO8TBtGAodHAUZTNQADpkRW8GlGchmFGlHOFA/viewform

15 Gen

Conferenza stampa: ordinanza su discarica "Le lamie"

Questa mattina, in videoconferenza, la Sindaca Rosa Melodia e l’Assessora all’ambiente Loretta Moramarco, hanno illustrato i contenuti dell’ordinanza sindacale n. 2 del 14 gennaio 2021 sulle misure precauzionali per il rischio di potenziale contaminazione dell’area circostante la discarica per rifiuti urbani in località “Le Lamie” (lungo la strada Altamura-Laterza), oggetto di sequestro preventivo, a novembre 2019 del giudice per le indagini preliminari dott.ssa Annachiara Mastrorilli, operato dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico.

L’ordinanza dispone in via cautelativa e precauzionale, per 120 giorni, e comunque fino all'esito degli accertamenti analitici in corso e a svolgersi, il divieto di: attingimento acque di ruscellamento e superficiali; prelievo di acque sotterranee; pascolo e ulteriori attività silvopastorali; coltivazione e raccolta di prodotti agricoli; nell'area circostante la discarica “Le Lamie” nel raggio di 500 metri.

Il provvedimento si è reso necessario per garantire la salvaguardia dell'igiene e sanità pubblica, nelle more dell'esito degli accertamenti analitici e delle conseguenti valutazioni di ASL e ARPA Puglia.

Il Comune di Altamura ha seguito con attenzione e cura la questione adottando gli atti necessari per la messa in sicurezza di emergenza e la verifica dei luoghi (come esplicato nell’ordinanza) in coordinamento con la Regione Puglia, Arpa, Asl, Città Metropolitana e i progettisti individuati dal Comune RTP "PH3 Engineering srl Unipersonale- dott. Geol. Domenico Femino". Tanto, in via sostituiva, stante l'inerzia del proprietario e gestore Tra.de.co. Srl.

Infatti, con l’ordinanza sindacale n. 28 del 7 maggio 2020 è stato ordinato alla società ed ai suoi soci con effetto immediato e con il carattere dell’urgenza, di mettere in atto le necessarie misure di prevenzione e messa in sicurezza dei luoghi, nonché le attività di post gestione. A settembre scorso, il ricorso all’ordinanza da parte della società è stato dichiarato irricevibile e infondato dal T.A.R.

Nel corso del sopralluogo del 17 dicembre 2020 è stata rilevata la presenza di un ruscellamento di acque di colore scuro, presumibilmente percolato, alimentato da acque che trasudano dal fronte della discarica esposto a sud. Tali acque confluivano in un canale esterno all'area della discarica interessando i terreni adiacenti alla stessa.

Una ditta incaricata dal Comune è prontamente intervenuta per convogliare le acque all'interno di una vasca di raccolta ubicata all'interno del perimetro della discarica; all'esito del sopralluogo e alla luce dell’interessamento dei terreni circostanti da un rischio di potenziale contaminazione, l’Amministrazione comunale, con nota del 23 dicembre 2020, ha convocato per il 29 dicembre un tavolo tecnico con Regione Puglia, Città Metropolitana, ASL, ARPA Puglia e gruppo di progettazione. Durante il tavolo tecnico l’Amministrazione, ha espresso l'intenzione, condivisa da tutti i presenti, di emanare un’ordinanza sindacale con delle misure precauzionali.

Il 4 gennaio scorso, è pervenuto il certificato di analisi relativo alle acque di ruscellamento che accerta che non sono rispettati i limiti consentiti dalla legge e pertanto le stesse non sono idonee allo scarico su suolo. Il Comune di Altamura, in via sostitutiva, vista l'inerzia del proprietario e gestore dell'impianto di discarica, ha effettuato la notifica di potenziale contaminazione, ai sensi dell’art. 245 del D.Lgs. 152/2006, a Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Prefettura di Bari, ARPA Puglia e ASL Bari, procedendo poi con l’emanazione dell’ordinanza sindacale.

«La società TRA.DE.CO. e i soci preferiscono impiegare risorse personali ed economiche nell’impugnazione della legittima ordinanza sindacale del 7 maggio 2020 che ordinava di provvedere a tutte le attività necessarie e previste dalla legge, piuttosto che adempiere ai loro doveri pur avendo negli anni beneficiato degli utili derivanti dalla gestione della discarica» ha dichiarato l’Assessora all’Ambiente Loretta Moramarco.

«I conferimenti nella discarica “Le Lamie” sono cessati il 31.03.2008 con l’obbligo che a decorrere dal 1.4.2008 avrebbe dovuto aver inizio la gestione post operativa a carico della società proprietaria. Dopo oltre 10 anni questa Amministrazione si sta occupando attivamente ed in maniera trasparente del sito. Faremo tutto quello che è necessario affinché il principio comunitario “chi inquina paga” venga rispettato, tutelando in primo luogo la salute dei cittadini e la salubrità del territorio» ha concluso la Sindaca Rosa Melodia.

L'ordinanza è consultabile al seguente link

15 Gen

MISURE DI PREVENZIONE COVID-19. SISTEMAZIONE DEL MERCATO SETTIMANALE E DEL MERCATO RIONALE DI VIA ROVERETO NELLE GIORNATE DEL SABATO.

Ordinanza Dirigenziale n. 7 del 15/01/2021.

ATTUAZIONE MISURE DI PREVENZIONE IN MATERIA DI CONTENIMENTO E GESTIONE DELL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19. SISTEMAZIONE DEL MERCATO SETTIMANALE DI VIA MANZONI E DEL MERCATO RIONALE DI VIA ROVERETO NELLE GIORNATE DEL SABATO.

14 Gen

Conferenza stampa su discarica "Le Lamie"

Domani, venerdì 15 gennaio, alle 12:00, in videoconferenza, la Sindaca Rosa Melodia e l’Assessora all’ambiente Loretta Moramarco, illustreranno i contenuti dell’ordinanza sindacale sulle misure precauzionali per il rischio di potenziale contaminazione dell’area circostante la discarica per rifiuti urbani in località “Le Lamie” (lungo la strada Altamura-Laterza), oggetto di sequestro preventivo, con provvedimento del 29 novembre 2019 del giudice per le indagini preliminari dott.ssa Annachiara Mastrorilli, operato dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico.

Il Comune di Altamura ha seguito con attenzione e cura la questione adottando gli atti necessari per la messa in sicurezza di emergenza e la verifica dei luoghi in coordinamento con la Regione Puglia, Arpa, Asl, Città Metropolitana e i progettisti individuati dal Comune RTP "PH3 Engineering srl Unipersonale- dott. Geol. Domenico Femino". Tanto, in via sostituiva, stante l'inerzia del proprietario e gestore Tra.de.co. Srl.

Domani mattina saranno comunicate le modalità di accesso alla videoconferenza.

14 Gen

Lavori in corso presso il campo "Cagnazzi"

 

Ieri sono stati avviati i lavori di rifacimento del terreno di gioco presso il campo “Cagnazzi”.

L’intervento, seguito dal Servizio Verde Urbano dei Lavori Pubblici, prevede la rimozione dell’attuale strato di sabbia consumata e la posa di un nuovo strato di terra battuta, composto dalla miscela prevista dalla regolamentazione della FIGC. Sarà così garantita maggiore sicurezza ai giocatori e sarà favorito il drenaggio dell’acqua piovana lungo tutto il campo.

La conclusione è prevista entro le prossime due settimane, per consentire appena possibile la ripresa delle attività.

L’importo dei lavori è di 46.673,39 Euro (al netto del ribasso).